Home » News

I danni dei tarli dei mobili

I tarli dei mobili attaccano anche legni antichi

Data di pubblicazione: 23/02/2010

Tarlo dei mobili - danniI tarli del legno sono insetti xilofagi che utilizzano il legno come fonte di nutrimento. L’attività trofica svolta dalle larve di questi insetti può avere pesanti ripercussioni sia sulle caratteristiche meccaniche che sull’aspetto esteriore del manufatto ligneo.

Con il termine tarlo dei mobili si identificano quegli insetti xilofagi che si insediano su manufatti lignei d’arredo (mobili, tavoli, sedie, suppellettili, statue) ma anche sui supporti dei dipinti come ad esempio le cornici.

Sono tarli che manifestano la loro indesiderata presenza anche su oggetti lignei antichi e di interesse storico-culturale e per tale motivo rivestono una importanza non trascurabile.

Il tarlo dei mobili per antonomasia è Anobium punctatum. Ma sugli oggetti lignei di arredamento si possono ritrovare anche altri Coleotteri Anobidi (Xestobium rufovillosum, Oligomerus ptilinoides, Ptilinus pectinicornis) e Lictidi (Lictus brunneus e Lictus linearis).

Tarlo dei mobili - Anobium punctatumI danni provocati dai tarli dei mobili sono commisurati al loro ciclo biologico che prevede una fase di accrescimento/maturazione ed una fase di riproduzione.

La fase di accrescimento/maturazione si evolve dallo stadio di uovo, deposto negli anfratti del legno o nei fori di sfarfallamento pregressi, fino allo stadio di pupa. L’insetto durante tutta questa fase è sempre all’interno del manufatto ligneo. Il danno è provocato dalle larve che scavando le gallerie di nutrizione compromettono l’integrità fisico-meccanica del mobile.

La fase di riproduzione è costituita dall’adulto che, alla ricerca del partner per l’accoppiamento, evade dall’oggetto ligneo producendo un foro di sfarfallamento. Il danno, soprattutto in caso di mobili antichi o oggetti d’arte, è rilevante. L’alterazione della superficie ha pesanti ripercussioni estetiche.

Fori di sfarfallamento di tarli dei mobiliPurtroppo la rilevazione dei tarli dei mobili è nella maggior parte dei casi tardiva, quando i danni sono ormai rilevanti. Visivamente la presenza dei tarli dei mobili si rende palese solo quando compaiono i fori di sfarfallamento o si nota del rosume polverulento sul pavimento.

Il rumore provocato dall’attività di scavo delle gallerie o come richiamo sessuale non sempre è percepibile: pur tuttavia Eurogreen dispone di strumentazioni appositamente studiate e tarate per la rilevazione dei tarli dei mobili anche nelle fasi iniziali dell’infestazione.

L’intervento antitarlo secondo il Metodo Eurogreen, che utilizza la tecnologia a microonde in camera riverberante, è sicuro ed efficace anche per i manufatti e i mobili antichi e di pregio. Non si utilizzano prodotti chimici che potrebbero alterare la superficie decorata del mobile o la sua caratteristica colorazione. Il Metodo Eurogreen è ecologico e rispetta il manufatto ligneo.

Bibliografia:
Liotta G. - Gli insetti e i danni del legno - Nardini Editore, 1991
Chiappini E., Liotta G., Reguzzi M.C., Battisti A. - Insetti e Restauro: legno, carta, tessuti, pellame e altri materiali - Ed. Calderini, 2001 
AAVV La diagnostica e la conservazione dei manufatti Atti del Convegno ” La diagnostica e la conservazione di manufatti lignei” , Marsala (TP), dicembre 2005

La foto di Anobium punctatum per gentile concessione di Claude Galant - www.entomart.be.

Leggi anche: Il biodeterioramento del legno
Consulta lo speciale Tarli
Per ulteriori informazioni visita www.disinfestazionetarli.it


Segnala ad un'amica o ad un amicoSegnala ad un'amica o ad un amico    Stampa la paginaStampa la pagina